Dalla sua introduzione nel 1995, il mercato globale del poker online è cresciuto rapidamente, arrivando a più di $ 25 miliardi di fatturato nel 2009.
E ‘stato stimato a circa $ 30 miliardi, prima che le autorità degli Stati Uniti annunciavano la guerra al poker su internet, colpendo cinque principali siti di gioco, con l’incriminazione di 11 persone coinvolte con i siti di gioco il 15 aprile 2011.

Gli Stati Uniti sono stato uno dei primi stati in cui si è diffuso gioco d’azzardo online, con circa 10 milioni di partecipanti che hanno operato in una zona grigia di legalità. Migliaia di giocatori più abili affermano di guadagnarsi da vivere giocando a poker online.

Visto l’incertezza a breve termine per quello che è stimato come il  mercato del poker online e che nonostante i divieti  gli Stati Uniti rappresentano circa un terzo del mercato del gioco d’azzardo online, una serie di stati USA sono al lavoro per legalizzare il gioco su internet per i loro residenti.
Washington DC sta lavorando per rendere legale il poker online e la voce è che presto gli stati del Nevada, California, Iowa e Florida potranno approvare leggi per regolarizzare il gioco d’azzardo in rete.Il gioco d’azzardo su Internet è diventato illegale negli Stati Uniti dal 2006, con la legislazione delle banche che vietava la gestione dei pagamenti relativi al gioco online.
Molti siti di poker sono stati messi sotto sequestro e i dirigenti hanno dovuto affrontare processi per frode, in quanto dichiaravano che le operazioni economiche e bancarie che avevano effettuato non erano connesse al gioco d’azzardo.
Anche le aziende off shore di poker online sono state attaccate e messe in condizione di non poter oprerare negli Stati Uniti.

Tra i principali siti incriminati troviamo PokerStars, Full Tilt Poker e Absolute Poker con circa 3 miliardi di dollari sanzioni pendenti, oltre allo stop nel redditizio mercato statunitense.

Altre poker room potrebbero presto prendere il posto dei siti più importanti se gli Stati riusciranno a  di legalizzare il gioco d’azzardo online.
I casinò tradizionali di Las Vegas, tra cui Wynn Resorts, MGM Resorts e Las Vegas Sands potrebbero prendersi una quota enorme del mercato se il poker onoline verrà legalizzato nel Nevada.
Gli Stati avrebbero anche benefici finanziari, grazie alla pesante tassazione a cui porterebbe la regolazione del gioco d’azzardo online nei territori sotto la loro giurisdizione.

Ma la lobby del poker digitale si è subito messa in moto negli States e in un editoriale, subito dopo le accuse a Pokerstars e Full Titlt, l’ex senatore Alfonse D’Amato ha parlato al Congresso sulla regolarizzazione del poker online, suggerendo che il poker non è uguale ad altre forme di gioco in quanto è un gioco di abilità.  D’Amato ha affermato che, “Dal momento che il poker è un gioco di abilità che è legale in casa, dovrebbe essere legale da giocare online.”
Ha anche sottolineato come il poker online non violi le leggi federali americane proprio perché è un gioco di abilità individuali, mettendo in discussione le decisioni del Dipartimento di Giustizia che “ritiene di poter lanciare i dadi e scegliere una forma di gioco da vietare privando milioni di americani dei loro hobby e i giocatori professionisti della loro vita. ”

Ci sono stati sforzi per abrogare la legge del 2006 che ha reso il trasferimento di denaro ai siti di gioco illegali e nonostante la promulgazione della legge, il mercato statunitense ha continuato a crescere. L’attuale ciclo di rinvii a giudizio ha devastato il mercato nella sua forma attuale, ma ha di nuovo portato la questione alla ribalta delle autorità statali e federali e potrebbe finire per essere buono per l’industria se i regolamenti saranno approvati e alla fine permetteranno di giocare a poker online. Proprio l’anno scorso, il senatore Harry Reid of Nevada cercò di introdurre una legge per legalizzare il poker online, ma una legge nazionale federale sarebbe più utile delle leggi dei singoli stati dell’unione, in quanto garantirebbe maggior chiarezza e stabilità.

Ciò che è chiaro è che il poker online nella sua forma attuale è stato drasticamente alterato negli Stati Uniti e le grandi imprese che hanno perso la loro posizione dominante. L’industria dovrà probabilmente attendere normative statali e federali prima di andare avanti. Imprese di gioco tradizionale rischiano di essere i vincitori, anche se molti siti web germoglieranno di nuovo fino a entrare in azione se il poker online diverrà ufficialmente legale.

Altri Articoli